Che cos’è la vitamina D: sintomi e conseguenze di una carenza.

Vitamin D

La vitamina D è una vitamina liposolubile essenziale per il nostro corpo. È nota per la sua capacità di mantenere le ossa sane, ma è anche benefica per il cervello e il cuore. Ma cosa succede in caso di carenza? Quali sintomi possono comparire?

Ci sono due forme principali di questa vitamina: la D2 nota come ergocalciferolo e la D3 nota come colecalciferolo.

La maggior parte della vitamina D necessaria all’organismo è ottenuta dall’esposizione al sole, ma è presente anche in alcuni alimenti e integratori alimentari; la vitamina D ottenuta da queste fonti è biologicamente inerte e deve essere idrossilata nell’organismo per fornire un uso funzionale.

Funzione

Il ruolo primario della vitamina D è quello di sostenere l’assorbimento del calcio da fonti dietetiche nel sangue e prevenire il riassorbimento del calcio nei reni. Questo effetto aiuta a dirigere il calcio verso gli osteoclasti e gli osteoblasti per rafforzare le ossa, così come per ridurre il rischio di tetania ipocalcemica associata ad un elevato apporto di calcio.

Carenza di vitamina D

Quando c’è un livello inadeguato di questa vitamina nel corpo gli effetti tendono ad apparire a lungo termine, in particolare causando diradamento e fragilità nelle ossa. Di conseguenza, può causare rachitismo nei bambini, così come l’osteomalacia e l’osteoporosi negli adulti.

Le conseguenze che possono sorgere includono:

  • Rachitismo: una delle conseguenze più gravi e conosciute della carenza di vitamina D nei bambini è il rachitismo. Può verificarsi a causa di un’adeguata esposizione alla luce del sole e/o di una scarsa alimentazione. È importante che le donne durante la gravidanza e l’allattamento abbiano livelli adeguati di vitamina D per proteggere il bambino. La carenza di vitamina D negli adulti può portare alla deformazione delle ossa, a un inchino anormale negli arti inferiori e nella colonna vertebrale.
  • Depressione: nei paesi nordici, dove l’esposizione al sole è bassa per diversi mesi durante l’anno, sono stati riscontrati numerosi casi di depressione, alcuni particolarmente gravi e legati al rischio di suicidio. Si ipotizza che tali condizioni possano anche essere legate a carenze. Nei paesi nordici, gli integratori di vitamina D3 sono assunti per prevenire la depressione questa vitamina stimola la produzione di serotonina, l’ormone della felicità.
  • Malattie autoimmuni: bassi livelli di vitamina D potrebbero portare ad una maggiore incidenza di malattie autoimmuni, come l’artrite reumatoide, il lupus e il diabete di tipo 1.
  • Rischio di malattia di Alzheimer: Uno studio condotto in Scozia ha correlato la carenza di vitamina D con l’aumento del rischio di malattia di Alzheimer, con particolare riferimento alle popolazioni che vivono in zone soleggiate del mondo.
  • Rischi per il cuore: uno studio italiano ha dimostrato che bassi livelli di questa vitamina possono essere pericolosi per la salute del cuore. Secondo i ricercatori dell’Ospedale Maggiore della Carità dell’Università del Piemonte Orientale, chi ne è carente (livelli inferiori a 20ng/mL) ha un rischio maggiore del 32% di sviluppare una coronaropatia (coronaropatia).
  • Rischio di sclerosi multipla per le donne: in un recente studio, la carenza di vitamina D è stata associata ad un rischio raddoppiato per le donne di sviluppare la sclerosi multipla, una malattia neurodegenerativa.

La causa più comune della carenza è la mancanza di esposizione alla luce del sole, che può essere associata a fonti alimentari inadeguate. In particolare: gli anziani, i dipendenti a tempo pieno e le persone che si coprono la pelle quando sono all’aperto o vivono in zone con poca luce solare.

La luce diretta del sole non è raccomandata per la pelle del neonato e, pertanto, la maggior parte della vitamina D necessaria deve essere ottenuta dal latte materno.

L’effetto della luce del sole

Quando i raggi ultravioletti del sole entrano in contatto con la pelle umana, il 7-deidrocolesterolo reagisce e inizia a produrre la vitamina D3.
La lunghezza d’onda ideale della luce ultravioletta è di 295-297 nm, che si verifica più comunemente nelle aree tropicali e durante la primavera e l’estate nei climi stagionali.

Le persone che vivono in aree che non ricevono grandi quantità di luce ultravioletta a questa lunghezza d’onda, come ad esempio nei circoli polari artici, hanno maggiori probabilità di essere a rischio di carenza di vitamine.
Le persone con la pelle più scura e tonica hanno bisogno di più luce solare per attivare la produzione di vitamina D e, di conseguenza, sono comunemente colpite da carenza di vitamine.

Nonostante l’effetto positivo della luce solare sulla produzione di vitamina D nell’organismo, le raccomandazioni per aumentare l’esposizione alla luce del sole sono date con cautela a causa del rischio di cancro della pelle.
La protezione solare inibisce gli effetti della luce solare sulla pelle, offrendo così una protezione dai dannosi raggi ultravioletti, ma anche limitando la produzione di vitamina D.

Idealmente, si consigliano brevi periodi di esposizione al sole di 10-15 minuti con contatto diretto con il viso e le braccia. Tuttavia, la protezione della pelle è necessaria per periodi di tempo più lunghi e si dovrebbero sempre seguire pratiche di sicurezza solare adeguate.
Ognuno dovrebbe comunque cercare di trascorrere più tempo all’aperto per promuovere il proprio benessere.
La vitamina D regola il metabolismo del calcio ed è essenziale per il sistema nervoso e per il cuore.

Fonti alimentari

Per quanto riguarda l’alimentazione, le fonti di vitamina D possono essere sia di origine animale, come uova, latte e derivati, sia di origine vegetale, con particolare riferimento ai funghi.
Una dieta equilibrata e l’esposizione al sole dovrebbero garantire livelli adeguati di vitamina D.
Gli integratori di vitamina D sono raccomandati quando le persone sono a rischio di carenza o hanno bassi livelli di vitamina D.

Ma come possiamo riconoscere i sintomi della carenza di vitamina D e quali sono le conseguenze?

Sintomi di carenza

In caso di carenza possiamo avere diversi tipi di sintomi:

  • Dolore osseo e debolezza muscolare: sono sintomi che possono essere confusi con quelli di una banale influenza e un’altra lunga serie di problemi di salute.
  • Osteoporosi: una carenza espone ad un rischio maggiore di soffrire di osteoporosi.
  • Problemi cardiaci.
  • Asma nei bambini: soprattutto se passano molto tempo a casa.
  • Disturbi cognitivi: soprattutto gli anziani, spesso carenti di questa vitamina, possono avere problemi in ambito cognitivo.
  • Disturbi psicologici ed emotivi: una carenza può portare a sbalzi d’umore e a tristezza immotivata.
  • Sudorazione della mano: quando questo sintomo appare in modo apparentemente inspiegabile è spesso associato a carenza di vitamina D, in quanto sarebbe uno dei campanelli d’allarme più frequenti di questa carenza.